Volunia è il nuovo motore di ricerca completamente italiano

Il concetto è il seguente: l’utente vive ora ingabbiato, ingabbiato su Google, su Twitter, Facebook, su YouTube, bloccato in un mini-mondo pienissimo di idee e novità ma allo stesso tempo limitatissimo, dove nulla o quasi di ciò che non viene condiviso su quella piattaforma esiste veramente. E su questo siamo completamente d’accordo.

Fiumi di tweet che non si riescono quasi mai a leggere, diari di Facebook stracolmi di cuoricini e stelline, frasi celebri e citazioni personali che semplicemente rimbambiscono l’utente.

Ecco dunque il concetto di Volunia, un’unione delle parole “Volare sulla Luna”: uscire dalle gabbie, vedere le cose dall’alto, liberi, sostanzialmente.

Volunia si pone come un misto di motore di ricerca e di social network. Il motore di ricerca serve ovviamente a trovare risorse e documenti, ma la novità “rivoluzionaria”, almeno nelle intenzioni dei creatori, è che nel momento in cui si finisce su un sito web, questo viene spezzettato, tagliato a fettine e diviso in aree di interesse, e in una barra a destra, si possono vedere i profili di utenti che in quel preciso momento stanno consultando la stessa risorsa.

Vado su Repubblica.it e tutto viene diviso in sezioni, fra cui scelgo quella di politica, e trovo i commenti su Mario Monti e via andare. Ovviamente posso partecipare, rispondere, farmi delle amicizie.  Il concetto è: cerca una risorsa ed incontra le persone che, come te, stanno guardando/cercando/commentando la stessa cosa.

Volunia si presenta quindi come un tentativo di creare una piattaforma sovra-web, dove gli utenti vedono le cose da un’altra prospettiva perchè la struttura di scambio dati non è confinata in un solo sito ma è generale e superpartes, dove l’incontro con gli altri internauti non in un solo social network ma in un flusso soprastante, permette di conoscere giudizi imparziali sulla bontà di quello che si sta leggendo, e di scambiare informazioni con persone in quel momento vicinissime a noi, per via dell’interesse comune.

Come dice lo stesso creatore: “Io non propongo un motore che abbia 5 cavalli più degli avversari, io dico di prendere l’elicottero”.